Negozio tecnico di calzature abbigliamento e accessori Running

Mondo Corsa

logo uomo
Vai ai contenuti

"La guida per scegliere la scarpa adatta a te"
immagine scarpe adatte
Come scegliere le scarpe da corsa
Se sei un principiante e stai pensando di iniziare a correre potresti perderti tra tutte le tipologie e i fattori da considerare per scegliere le tue prime scarpe da corsa.

Per scoprire la scarpa migliore da acquistare è importante considerare questi fattori: l’ammortizzazione della scarpa, l’appoggio del piede, la tua età (iniziare a correre a 50 o a 60 richiede delle attenzioni) e il terreno sul quale hai deciso di allenarti.
Vediamo questi non trascurabili!!!!

Ammortizzazione
Uno dei fattori più importanti da tenere d’occhio è l’ammortizzazione delle tue scarpe, ovvero quanto queste saranno in grado di attutire il peso scaricato sul piede con l’impatto sul terreno durante la tua corsa.
Ogni scarpa ha una propria capacità di ammortizzazione e, in generale, più la scarpa e la sua suola saranno leggere minore sarà la capacità di sostenere e ammortizzare il peso del corridore, puntando maggiormente sulla leggerezza e la sensibilità della scarpa. Una scarpa dal peso maggiore e con una suola più grande riuscirà a dare al piede maggiore ammortizzazione, senza causare eccessivo stress sul piede. Assicurarsi che la propria scarpa abbia una buona ammortizzazione è ancora più importante nel caso in cui si abbia qualche chilo in più rispetto proprio peso ideale.
Per chi comincia a correre l’ideale è una scarpa dalla buona ammortizzazione, permettendo di allenarsi senza rischiare di sovraccaricare con il proprio peso il piede non ancora abituato alla corsa.

Appoggio del piede
Uno dei fattori più importanti da considerare per scegliere una scarpa da corsa è l’appoggio del piede, cioè il modo in cui questo entra in contatto con il terreno mentre si cammina o corre. Chi inizia a correre spesso non conosce bene le caratteristiche del proprio piede, scegliendo scarpe non adatte che potrebbero, col tempo, creare problemi e infortuni.
L’appoggio del piede si può dividere in tre macro scenari:

Neutro. Il piede ha la modalità di appoggio più naturale per il corpo umano, con un corretto impatto della superficie del piede sul terreno. In questi casi il piede non influenzerà troppo la scelta della tua prima scarpa, potendo scegliere tra scarpe più o meno stabili e ammortizzate in base alle tue caratteristiche di età e peso.
Pronazione. Si definisce pronatore un runner che durante la corsa tenda a ruotare il piede verso l’interno, scaricando il peso su tutta o gran parte della superficie del piede. Una persona che tende all’iper pronazione del proprio piede sviluppa la nota caratteristica del piede piatto. Per i runner pronatori il miglior consiglio per iniziare a correre è di scegliere una scarpa stabile che dia al piede la giusta protezione.
Supinazione. Il runner che tende a ruotare il piede verso l’esterno si definisce supinatore. In questi casi durante la corsa si tende a ruotare eccessivamente il piede verso l’esterno, riducendo la superficie del piede su cui va a scaricarsi il peso. Per i supinatori che iniziano a correre consigliamo una scarpa non eccessivamente leggera e con un’ammortizzazione media.
Età atleta
Un altro fattore fondamentale da considerare per scegliere, per la prima volta, una scarpa da corsa è l’età. Un consiglio generale per i runner principianti che si avvicinano alla corsa dopo molti anni di inattività o in generale senza avere esperienze precedenti nel mondo della corsa è di cercare scarpe che siano ammortizzate e stabili. Le scarpe da corsa stabili e ben ammortizzate sono la scelta migliore per non danneggiare il piede e le articolazioni. Per i runner principianti più giovani è consigliabile una scarpa con ammortizzazione media, più leggera e reattiva ma sempre con il giusto grado di protezione.

Terreno di corsa
La scarpa è il migliore alleato di un runner e lo accompagnerà in tutte le sue corse. Per iniziare a correre “con il piede giusto” è importante avere un’idea di dove si andrà a correre, in modo da sapere quale scarpa sarà la migliore in base al terreno, che può essere sull’asfalto, su una pista di atletica, su un prato o all’interno su un tapis roulant.

Correre sull’asfalto: una buona ammortizzazione è fondamentale per correre al meglio sull’asfalto cittadino, in modo da assorbire il peso e non rendere troppo traumatico l’impatto del piede con il terreno.

Correre al parco: se si sceglie di iniziare a correre al parco è bene ricordarsi che si corre su un terreno molto vario e ricco di irregolarità. Per questo una scarpa stabile e con una ammortizzazione media sarà la scelta giusta per proteggere il piede da posture scorrette.

Correre sul tapis roulant: per chi sceglie di correre all’interno con un tapis roulant si possono scegliere scarpe più leggere e meno ammortizzanti, sempre che il fisico e l’età lo consentano senza generare problemi ai piedi e alle articolazioni.

Tipi di scarpe da corsa
A1-A2-A3-A4, una distinzione superata!!!!!
Fino a pochi anni fa le scarpe da corsa venivano divise in quattro tipologie principali, A1, A2, A3 e A4. Queste tipologie di scarpe andavano dalla più leggera e meno ammortizzata e protettiva, le A1, fino a quelle meno leggere ma più stabili e ammortizzate, le A4.
Questa classificazione risulta troppo rigida oggi, con l’evolversi delle proposte del mercato e di quelle che sono le reali esigenze di chi corre. La classica divisione A1-A4 andava spesso a causare un’eccessiva confusione nella scelta, creando una distinzione poco chiara da un modello all’altro.
Ora si utilizza una definizione più semplice e dettata da caratteristiche reali, in base al tipo di appoggio che ha il runner.

Classifichiamo quindi le scarpe da corsa in:
  • neutro
  • pronatore
  • supinatore
Per questo è essenziale per chi inizia a correre conoscere il proprio fisico e i propri piedi, in modo da scegliere la scarpa migliore per entrare nel mondo della corsa.
APPOGGIO IN PRONAZIONE
La pronazione è il movimento biomeccanico che il piede effettua verso l'interno, dalla fase di appoggio a quella di spinta, partendo dalla parte esterna del tallone, passando dal meso-piede e per finire verso l'interno dell'avampiede. Se una leggera tendenza ad andare verso l'interno può considerarsi parte integrante del movimento biomeccanico del piede, una eccessiva pronazione può essere la causa di vari infortuni.
appoggio in pronazione

APPOGGIO NEUTRO
L’appoggio biomeccanicamente neutro si ha appoggiando prima il tallone esterno, successivamente il mesopiede centrale e per finire con la spinta sempre centrale.
appoggio neutro

APPOGGIO IN SUPINAZIONE
La supinazione inizia con l’appoggio della parte esterna del tallone (Fig 1) per prosoguire con l’appoggio della parte mediale esterna del piede (Fig 2) e finire la rullata spingendo con il 4°- 5° metatarso (Fig 3). Nel caso il runner non appoggi il tallone si partirà dalla Fig 2 o Fig 3 escludendo il tallone. Ricordiamo che scarpe troppo morbide esternamente e instabili possono accentuare la supinazione.

appoggio supinatore
Quando cambiare le scarpe da corsa
Spesso i runner principianti e anche quelli più esperti ignorano quale sia il momento giusto per cambiare le proprie amate scarpe da corsa.
In generale consigliamo di cambiare le scarpe da corsa dopo che queste hanno percorso in media 700 km.
Infatti con l’aumentare dei chilometri percorsi la scarpa perde gradualmente la sua ammortizzazione, in gergo si dice che la scarpa si “scarica” e risulta pesante e poco reattiva. Usare una scarpa che ha percorso troppi chilometri non solo peggiora le performance ma aumenta anche la possibilità di infortuni e dolori, scaricando eccessivamente sul piede l’impatto con il terreno. Un altro indice di usura delle scarpe da corsa e l’usura della suola o della tomaia, quando infatti queste iniziano a non sembrare più completamente integre le scarpe non possono più garantire la giusta stabilità e ammortizzazione.

Info
Via del Villone 9 Pistoia 51100 (zona Stadio)
Tel. 0573/774636 Cell. 349/7890986
Mail. mondocorsasnc@gmail.com
Orari negozio:
Lunedì          15.30 / 19.30
Martedì       9.30 - 13.00  / 15.30 - 19.30
Mercoledì  9.30 - 13.00  /  15.30 - 19.30
Giovedì        9.30 - 13.00  / 15.30 - 19.30
Venerdì        9.30 - 13.00  / 15.30 - 19.30
Sabato          9.30 - 13.00 /  15.30 - 19.30
Domenica    Chiuso
Torna ai contenuti